Bambini Senza - Atlante dell'infanzia a rischio 2015
La mafia uccide anche i bambini ENTRA >> Corruzione d(e)i minori ENTRA >> Bambini senza stato ENTRA >> La crisi (del) capitale ENTRA >> Altri "senza" nell'età dell'innocenza ENTRA >>

Quello che i ragazzi dicono

La maggioranza qui sono anziani > “La maggioranza qui sono anziani, i giovani dal nostro paese se ne vanno, spesso e volentieri, prendono e appena finita la scuola se ne partono per trovare possibilità, opportunità.”
Francesco, 18 anni
Farsi furbi > “Se uno non ha un lavoro, deve pur trovare un modo per sopravvivere, quindi uno si fa furbo, si fa furbo nel senso sbagliato.”
Emanuele, 19 anni
Abbiamo bisogno di tante cose > “Mi aspetto che le istituzioni ci prendano in considerazione. Perché noi abbiamo bisogno di tante cose... di seguirci, di supportarci, perché ci sentiamo soli.”
Mariagrazia, 17 anni e Ciro, 18 anni
La mafia non è solo chiedere il pizzo > “La mafia è anche quando qualcuno ti insulta per quello che sei oppure per ciò che vuoi essere.”
Fabio, 14 anni
Gli spazi pubblici > “Un altro problema molto diffuso nei nostri paesi è la poca manutenzione degli spazi pubblici, ad esempio qualche anno fa è stata ristrutturata una piazzetta, ma in giro di poco tempo era di nuovo in pessime condizioni.”
Giorgia, 14 anni
Il cielo stellato > “...e il difficile compito di dirmi come sono andate davvero le cose, di spiegarmi perché papà non tornerà più ad abbracciarmi, tocca alla mamma e alla nonna. Oggi quando penso alle due donne che mi hanno cresciuto e tanto amato, mi chiedo se sarei capace di affrontare una situazione simile. Se riuscirei a trovare il coraggio di farmi carico della verità, di guardare mio figlio di appena sette anni e annunciargli la morte di una persona cara. Poche parole, affettuose, pacate. Si è trattato di una rapina, non di un incidente, ma noi non lo perderemo mai. Papà è volato in cielo, sarà una stella, la più bella, quella che sceglierai. Il cielo stellato che sarebbe diventato il mio rifugio e la mia consolazione.”
Giovanni Tizian, La nostra guerra non è mai finita, 2014
Non avere paura > “Io mi sento responsabile di mandare avanti il mio paese facendomi sentire e non devo aver paura delle ripercussioni, di quello che potrebbe accadere, non devo aver paura di parlare liberamente, la libertà di parola è un diritto che abbiamo tutti, assolutamente... la mafia non ci può togliere questo diritto.”
Giorgia, 16 anni
Il desiderio di andare via > “Il mio sogno è di completare gli studi e diventare una psicologa, una volta diventata psicologa aprire uno studio, poi andare via da qui, dall'Italia.”
Sophia, 18 anni
Il desiderio di restare > “Siamo costretti a emigrare, ma perché? Se questa è la nostra terra... perché non poter fruttare nella nostra terra, vivere e morire nella nostra terra?”
Emanuele, 19 anni
Il futuro in Italia > “Un futuro in Italia non è facile da costruire, mi vedo lontano dall'Italia, in Australia e il mio sogno è di poter fare il dentista.”
Emanuele, 17 anni